Stampa E-mail

 

   

 

 

 

 

VEDI LE IMMAGINI NELLA SEZIONE FOTO

 

VEDI I FILMATI NELLA SEZIONE VIDEO
 

ASCOLTA NELLA SEZIONE PODCAST LE REGISTRAZIONI AUDIO

 

 GUARDA QUANTO E' STATO FATTO IN ARCHIVIO AVVISI

  CONSULTA LA SEZIONE ARTICOLI E RIFLESSIONI
 

 

 

 

GUARDA E SCARICA IL PROGETTO PASTORALE COMUNITARIO

 


 PREGHIAMO CON I SALMI

 

 

ESORTAZIONE APOSTOLICA "CRISTUS VIVIT"

 

 

 

 

AVVISO IMPORTANTE

 

Nei mesi di Luglio - Agosto e Settembre

 la S. Messa feriale del giovedì alle ore 9.00

sarà celebrata

 

nella Chiesa di San Lorenzo

 

 

 

 

 

 

 

Domenica che precede il Martirio di S. Giovanni

 

Al tempo della grande persecuzione antigiudaica (167–164 A. C.) a Eleazaro scriba e anziano stimato fu imposto di mangiare carne proibita, in dispetto della legge di Dio e per avere salva la vita.

Avrebbe potuto solo simulare il gesto, ma rifiutò e preferì morire.

Eleazaro volle dare un ultimo insegnamento, soprattutto ai giovani come per dire: conviene onorare la volontà di Dio piuttosto che avere “un po’ più di vita.” Il suo grande esempio non ci lascia indifferenti e ci invita a chiedere per noi la grazia quotidiana di non piegare il cuore al male, come ci insegna il salmo responsoriale, per la gloria di Dio e ad esempio per tutti noi.

Eleazaro pensava al giudizio di Dio “se ora mi sottrassi al castigo degli uomini, non potrei sfuggire, né da vivo né da morto alle mani dell’Onnipotente.”

Nella seconda lettura di Paolo ai Corinti l’apostolo delle genti gli da ragione ricordando a ciascuno di noi che dobbiamo comparire davanti al giudizio di Dio per tutte le nostre azioni.

Inoltre Paolo ci dice che circa le tribolazioni per la fede dobbiamo guardare alla ricompensa: quando sarà conclusa la vita terrena “riceveremo da Dio una dimora eterna nei cieli.”

Paolo ha sempre tenuto in cuore questa certezza nelle sue fatiche apostoliche. Nel Vangelo Gesù ha detto “guai a chi da scandalo ai piccoli. Provoca scandalo ogni azione cattiva contro di loro o portarli sulla via delle mondanità, trascurando il Signore e i suoi insegnamenti: “Taglia le tue membra che sono occasione di scandalo” e questo equivale a fare penitenza per scongiurare di incorrere nel castigo eterno.

Il Signore non cerca un’accoglienza generica, ma chiede di superare la paura di fronte alle difficoltà e alle opposizioni: è la scelta di quanti scelgono di essere discepoli di Cristo. Il volto del Padre può essere conosciuto da chi possiede un cuore semplice proprio come quello di un bambino.

Dice Papa Francesco: “dobbiamo esaminare noi stessi e tagliare senza compromessi tutto ciò che può scandalizzare tutte le persone più deboli nella fede.

 

 

 

DOMENICA 25 AGOSTO

 


DOMENICA CHE PRECEDE IL MARTIRIO DI S. GIOVANNI

 

Ore 8.30 e 10.30: S. Messa.

 

 

 

 

GIOVEDI’ 29 AGOSTO

 


MARTIRIO DI S. GIOVANNI BATTISTA

 

Ore 9.00 in S. Lorenzo: Santa Messa.

 

FESTA PATRONALE DI OLTRONA di S. M.

 

Ore 10.30 in Chiesa a Oltrona: S. Messa solenne.

 

 

SABATO 31 AGOSTO

 


Ore 18.00: S. Messa vigiliare.

 

 

DOMENICA 1 SETTEMBRE

 


I DOPO IL MARTIRIO DI S. GIOVANNI

 

Offerta straordinaria mensile per le opere parrocchiali.

 

Ore 8.30 e 10.30: S. Messa.

 

FESTA PATRONALE DI OLTRONA di S. M.

 

Ore 10.30 in Chiesa a Oltrona:

S. Messa solenne concelebrata negli anniversari dei Sacerdoti.

 

 

 

 

Domenica 20 ottobre 2019

Festeggeremo gli Anniversari di Matrimonio

 

Invitiamo tutte le coppie di sposi che quest’anno celebrano

l’Anniversario ( 1, 5, 10, 15, 20, 25, 30, 35, 40, 45, 50, 55, 60 …

e anche di più ) a iscriversi in Sacrestia entro Domenica 29 Settembre.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

VERSO IL RINNOVO DEI CONSIGLI

DI COMUNITA’

 

 

Domenica 20 ottobre 2019 saremo chiamati a rinnovare i membri dei Consigli Pastorali e degli Affari Economici della nostra Comunità Pastorale.

 

Il Consiglio Pastorale «ha un duplice fondamentale significato: da una parte, rappresenta l’immagine della fraternità e della comunione dell’intera comunità di cui è espressione in tutte le sue componenti, dall’altra, costituisce lo strumento della decisione comune pastorale».

 

Il Consiglio per gli Affari economici «è moralmente responsabile con il parroco davanti alla comunità parrocchiale del corretto e puntuale assolvimento di tutti gli adempimenti e delle obbligazioni che, per diritto canonico o norma civile, sono poste a capo della Parrocchia».

 

Rinnoveremo questi Consigli per gli anni 2019-2023 e lo faremo non con la rassegnazione di una Chiesa in decadenza, ma animati dalla gioia di percorrere una nuova tappa evangelizzatrice nella vita della nostra Diocesi.

 

Nella Comunità Pastorale  rimangono le Parrocchie come “chiesa tra le case”,  ci si scambia i doni che lo Spirito diffonde e si cercano vie per essere discepoli testimoni.

 

Ai Consigli Pastorali è affidata la cura che la comunità dei discepoli del Signore viva del rapporto con il Signore, che sia una comunità che nasce dall’Eucaristia, che ascolta la Parola e che vive un clima di preghiera fedele e fiduciosa, nella persuasione che senza il Signore non possiamo fare nulla.

 

Inoltre, è affidata la cura che la comunità dei discepoli del Signore sia il contesto in cui ciascuno riconosce che la sua vita è una grazia, una vocazione, una missione. In particolare che l’Oratorio e la pastorale giovanile siano scuola di preghiera e percorso vocazionale accompagnati con sapienza e autorevolezza da adulti che si pensano come Comunità educante.

Infine, è affidata la cura che la comunità dei discepoli del Signore sia presente, nel contesto in cui vive, come il sale della terra, la luce del mondo, il lievito che fa fermentare tutta la pasta.

 

Ai Consigli per gli Affari Economici è chiesto sempre più, nella attuale situazione economica delle nostre Comunità, di far prevalere il «bene comune» della Comunità pastorale anche nella gestione dei beni economici.

 

In questo cammino  nessuna Comunità è sola. Ogni Comunità, infatti, sa di essere inserita dentro un cammino diocesano e di Chiesa universale, che ci impedisce di cadere nella lamentela e nel campanilismo. Questo «sentirci parte» della Chiesa ci fa acquistare respiro e ampiezza di orizzonti, recuperando anche speranza e prospettive.

 

L’occasione del rinnovo può mettere in gioco ognuno di noi guardando al futuro della ns. Chiesa particolare, sentendoci dediti con passione e generosità alla vita e alla crescita della Comunità. Camminiamo insieme custodendo il dono della comunione e la coscienza della corresponsabilità.

 

In questi mesi  a ciascuno è richiesto di riflettere per proporre la propria candidatura o per individuare persone disponibili e preparate per questo servizio ecclesiale.

 

Calendario degli adempimenti

per il rinnovo dei Consigli

 

Costituzione della Commissione elettorale e verifica del quadriennio 2015- 2019: mese di Maggio.

 

Annuncio del rinnovo e richiesta di candidature:

da Pentecoste  (9 Giugno).

 

Presentazione delle liste: Domenica 13 Ottobre.

 

Elezioni: Domenica 20 Ottobre (a partire dalla Messa vigiliare).

 

Costituzione del nuovo Consiglio Pastorale:

entro Domenica 10  Novembre.

 

Presentazione alla Comunità dei nuovi Consigli:

Domenica 10    Novembre.

 

Comunicazione alla Cancelleria dei nominativi dei nuovi Consigli Pastorali e per gli Affari Economici: entro fine Novembre.